Museo di Storia Naturale del Salento
Le Sezioni
Home Page   |    Contatti   |   Mappa del Sito
Rss Feeds
Ricerca
 
 
Astronomia
Botanica
Embriologia e Teratologia
Geologia
Malacologia e biologia marina
Mineralogia
I Dipartimenti
Entomologia
Erpetologia
Ornitologia
Paleontologia
     
Contenuti Istituzionali
Biblioteca
Butterfly house
Orto botanico
     
Insettario
Rettilario
     
SOSTIENI IL MUSEO
Comune di Calimera
Provincia di Lecce
Salento Monamour
Il Museo Dove siamo Sostieni il Museo Photogallery Links Utili Naturalia Contatti
OFP OES ASSN Per Ragazzi Didattica e Divulgazione Ricerca News Visite
Organizza un evento al museo

Centro recupero fauna selvatica (CRFS)

Contatti:      simona.potenza@msns.it       320 6586561

Il Centro effettua l'accoglienza degli animali in difficoltà tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30

L’attività che in qualche modo polarizza la maggior parte delle attenzioni dell’OFP è costituita dall’accoglienza, cura e reintroduzione in natura degli animali selvatici in cattive condizioni di salute.

In particolare, il paragrafo 8 della legge regionale 27/98 regolamenta i centri di recupero concentrando l’attenzione, come d’altronde nello spirito della legge per intero, verso la fauna omeoterma. Il CRFS, dalla sua istituzione, ha tessuto una fitta rete di collaborazioni al fine di ottenere una copertura capillare del territorio della provincia di Lecce e aree limitrofe: l’efficacia con cui è stato finora condotto il Centro è facilmente verificabile dai dati conservati presso la Banca dati dell’OFP. Basti qui succintamente dire che l’opera di sensibilizzazione svolta dall’Ente gestore ha portato all’accoglienza di circa 800 animali all’anno contro i circa 200 di dieci anni fa; il pronto soccorso veterinario della fauna accolta si avvale oramai di personale altamente specializzato: un veterinario specializzato in fauna selvatica, addetti alle terapie con lunga esperienza pratica e teorica in ambulatorio, personale addetto alla elaborazione statistica dei dati, personale addetto allo studio scientifico dei dati; la grande esperienza accumulata negli ultimi anni, unita ad un aumento delle competenze ha portato a svolgere terapie e riabilitazioni anche di casi molto difficili, facendo a questa seguito la reintroduzione in ambiente naturale in accordo con le autorità preposte e spesso nell’ambito di manifestazioni di sensibilizzazione organizzate all’uopo; gli esemplari giunti cadavere o morti in seguito sono inceneriti da ditte specializzate seguendo un rigido protocollo di controllo alla presenza di un ufficiale della ASL; tutta l’attività del CRFS è raccolta e trasmessa alle autorità, al Comune di Calimera a alla Provincia di Lecce per mezzo di relazioni annuali; è merito dell’attuale responsabile del CRFS aver introdotto, primo in Italia, il verbale di accoglienza della fauna, strumento eccezionale di schedatura, comunicazione, controllo e trasparenza.

 

Il CRFS, inoltre, nel suo costante confronto con i cittadini persegue gli obiettivi  di:

a) coinvolgere ancora più estesamente i privati cittadini, attraverso opera di sensibilizzazione e complicità nelle attività di reintroduzione.

Alcune attività intraprese a tale scopo sono: diffusione dei risultati delle terapie effettuate agli animali, affinché la gente sappia che l’attività umana può arrecare danni anche molto gravi all’ambiente; invito di partecipazione guidata alle attività del CRFS (dimostrazioni ai ragazzi di come si interviene su un animale selvatico, come lo si cura e lo si libera; corsi per adulti con rilascio di attestato per manipolatore di fauna selvatica; corsi per ragazzi sui comportamenti da tenere nei luoghi selvatici e sulle prime nozioni di ecologia e biologia); sottoscrizione di protocolli d’intesa con cooperative, consorzi, associazioni di lavoratori, affinché chi lavora all’aperto e in qualche modo a contatto di animali (agricoltori, pescatori) sappia, in caso di emergenza, a chi rivolgersi; organizzazione di manifestazioni di reintroduzione fauna aperte al pubblico ed in particolare alle scolaresche (il momento del rilascio di animali che sarebbero stati destinati a morte certa è uno dei più emozionanti e coinvolgenti di tutta l’attività di recupero).

b) Aumentare la consapevolezza a livello istituzionale della insopprimibile necessità di continuare a lavorare in questa direzione, aumentando le risorse destinate al recupero e al trasporto della fauna presso il CRFS. La diligenza dimostrata dai vari corpi di polizia (in particolare Polizia provinciale, municipale, CFS e Capitanerie di Porto) può, a volte, scontrarsi con carenza di personale o mancanza di risorse finanziarie, impedendo un intervento tempestivo. In questo caso è precipuo compito dell’Osservatorio mettere in luce eventuali carenze e richiamare gli enti deputati (Ministero, Regione, Provincia e Comuni) ad una maggiore attenzione al problema.

 

 

Cerca nel sito
Mailing List
Iscriviti alla nostra mailing list per
essere sempre aggiornato sulle
iniziative e sulle attività del Museo.

Inviaci la tua E-mail:
Forum Forum
Guestbook Guestbook
     
TARTARUGHE MARINE
FAUNA SELVATICA
FAUNA ESOTICA
     
Photogallery
Nordmannia ilicis Testudo hermanni - tartaruga di terra
Coenonympha pamphilus Hemidactylus turcicus - emidattilo
Archivio Photogallery »
VideoGallery
Archivio Videogallery »

VideoGallery
Museo Calimera MUSEO CALIMERA
Sos Fauna Selvatica SOS FAUNA SELVATICA
 
 
LE SEZIONI  |  RICERCA  |  IL MUSEO  |  DOVE SIAMO  |  CONTATTI  |  PHOTOGALLERY  |  LINK  |  CENTRO ACCOGLIENZA
 
 
Sciroccomultimedia Web Agency - Lecce MUSEO DI STORIA NATURALE DEL SALENTO - S.P. Calimera-Borgagne km 1 - 73021 - Calimera(LE) www.webrising.it